Seguici su
Panorama aereo di un fiume che serpeggia attraverso un paesaggio verde. In primo piano, una spiaggia di ghiaia forma un'ampia curva. Sullo sfondo, colline boscose, campi coltivati e un piccolo centro abitato. Cielo drammatico con nuvole al tramonto.
Bacino

Piave

UoM Piave (ITN007)

Il fiume Piave ha un bacino prevalentemente montano, che si considera chiuso a Nervesa della Battaglia; sfocia in Adriatico, presso Porto Cortellazzo, dopo aver percorso circa 222 km. Le sorgenti sono ubicate alle pendici del Monte Peralba (2.639 m s.l.m.), ad una quota di 2.037 m s.l.m..
Il bacino idrografico del fiume Piave si estende per oltre 4.000 km², di cui circa 3.900 km² ricadenti in territorio veneto; in particolare il sottobacino del torrente Vajont, tributario del Piave, è compreso in territorio friulano. A valle di Nervesa della Battaglia il bacino idrografico del Piave comprende anche un territorio di bassa pianura di circa 500 kmq, localizzato approssimativamente tra i comuni di S. Donà di Piave e di Eraclea, il quale recapita contributi di portata nel fiume attraverso opere di bonifica.
Allo sbocco in pianura il letto del Piave è costituito da materiali granulari molto permeabili (sabbie e ghiaie): per questa ragione gran parte della portata idrica si infiltra nel sottosuolo e va ad alimentare la falda sottostante, che riemerge più a valle sotto forma di risorgive.

Il bacino del Piave può essere diviso in tre grandi sottobacini:
• il bacino dell’alto corso, chiuso a valle della confluenza con il Maè, a quota 436 m s.l.m., comprendente la zona del Comelico, Cadore, Valle del Boite e Valle di Zoldo (Torrente Maè), con un’area di 1.537 km² , un’altitudine massima di 3.250 m s.l.m., un’altitudine media di 1.597 metri;
• il bacino della Valbelluna, comprendente anche la zona dell’Alpago;
• il bacino del Caorame e del Sonna, chiuso a Pederobba, con un’area di 1.079 ², un’altitudine massima di 2.550 m s.l.m., un’altitudine media di 806 metri e minima di 135 m s.l.m..

 

Secondo l’identificazione dei corpi idrici operata dalla Regione Veneto, i corsi d’acqua principali ricadenti nel bacino idrografico del Piave sono:
• il Fiume Piave;
• il Torrente Cordevole.
Si devono aggiungere altri 16 corsi d’acqua minori: fiume Soligo, rio Frari, rio Salere, torrente Anfela, torrente Ansiei, torrente Ardo, torrente Biois, torrente Boite, torrente Caorame, torrente Gresal, torrente Maè, torrente Medone, torrente Padola, torrente Rai, torrente Sonna e torrente Tesa.

Comuni coinvolti:

BREDA DI PIAVE, CHIARANO, CIMADOLMO, ERACLEA, FOSSALTA DI PIAVE, JESOLO, MARENO DI PIAVE, MASERADA SUL PIAVE, MEOLO, MONASTIER DI TREVISO, MUSILE DI PIAVE, NERVESA DELLA BATTAGLIA, NOVENTA DI PIAVE, ORMELLE, PONTE DI PIAVE, SALGAREDA, SAN BIAGIO DI CALLALTA, SAN DONA’ DI PIAVE, SAN POLO DI PIAVE, SANTA LUCIA DI PIAVE, SPRESIANO, SUSEGANA, ZENSON DI PIAVE